Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Mandami una mail Skype Linkedin

Home

Mettere in pratica i progetti

Le cose quando le studi all'università sono totalmente diverse dall'applicazione.

Anni sulle strategie e matrici strategiche, per poi trovarsi a doverle mettere in pratica, decidere per i tuoi prodotti: cosa farne il prossimo anno?
Cosa prevedo possa succedere?

Come li sostengo, come li promuovo, come sostituisco quelli che stanno perdendo quota?

Così mi sono trovata a riflettere sui miei progetti, di persona prima ancora che di professionista, e tutto ciò che mi auguro è MANTENERE.

Poter conservare, preservare, difendere ciò che ho di buono e bello.

Nella corsa continua a volere sempre di più perdiamo il valore di ciò che abbiamo conquistato, invalidiamo gli obiettivi di domani, perché rifaremo ciò che stiamo facendo ora: li diamo per scontati, appena raggiunti subito avanti il prossimo.
Come un bambino apre i regali a metà, correndo a scartare un altro.

Ed invece io adoro la confezione, mi piace aprire piano piano, avere tempo per assaporare l'odore della carta e toccare com'è dentro, morbido?
Immaginare cosa sarà e poi godermi ogni singolo dono e persona, respirare mentre.
Nelle corse si affanna. O almeno io di certo.
Ora immagino di essere arrivata non certo in cima alla montagna, quella forse già c'è stata nel mio passato, e l'aria era troppo rarefatta, c'era freddo e poco spazio sulla vetta per entrarci in tanti e poter festeggiare.
Ho imparato a procedere con calma e guardare il paesaggio e sentire il vento sul viso. A non chiedermi se le mie forze mi porteranno agli obiettivi di altri, perché sono in contatto con i miei.
Sono talmente consapevole del valore di ciò che ho conquistato e di tutta la fatica del percorso che ora voglio stare e mantenere.


Quali sono i tuoi progetti per il prossimo anno?

9 commenti:

cristina ha detto...

Ciao Paola!
Ti auguro un anno sereno e felice e di mantenere le conquiste che hai raggiunto e consolidarle ancora di più!
Un caro abbraccio!

Energia Creativa ha detto...

grazie Cri!!!
grazie di cuore. e che tu possa raggiungere ciò che desideri

Francesca Mancini ha detto...

Ciao Paola, grazie per il sassolino che ci hai lanciato, è un sassolino importante che mi dà l'occasione di fermarmi e riflettere, respirando con tutto il tempo.
Il mio progetto è NON AVERE PAURA.
Non avere paura del potere delle mie potenzialità, dei posti unici e strani che mi faranno attraversare, non aver paura di dare, in modo che l'energia scorra e si rinnovi. Mi auguro di saper trovare tutta la concentrazione, la sensibilità e l'intuizione per scegliere liberamente senza paure per poter continuare una vera esplorazione;)

Ti auguro di mantenere forti i tuoi mondi e che questi possano sempre risplendere orgogliosamente:))
Buon 2012!!

Energia Creativa ha detto...

Cara Francesca,
La paura dovremmo usarla solo per quella che serve. E' cosi' difficile non sentirla, continuamente, per mille ,ortivi.
Ho appena letto una frase di Charlie Brown che mi e' piaciuta moltissimo a riguardo: ho deciso che d'ora in poi avrò paura un giorno alla volta.
Non so, forse abbiamo paura quando abbiamo qualcosa da perdere, il che significa che quel qualcosa comunque lo abbiamo conquistato. Auguroni grandissimi Paola

Francesca Mancini ha detto...

si è vero Paola! la paura a volte ci protegge..spero di sapere riconoscere quella che protegge da quella che limita...farò come Charlie Brown:)

Paolo Pascucci ha detto...

Dici a me? che dici a me? [cit.]
Sopravvivere, e comunque non lo so, vincere il Nobèl (con l'accento sulla e) ma poi mi sa che non vado a ritirarlo (i soldi si) e fare la scoperta del secolo (non dico quale).
Tiè

Energia Creativa ha detto...

Egregio sign. Dott. Esimio Pascucci
Lei deve passare più spesso da me perche fa bene ad entrambi due noi medesimi esimi.
Al nobel lo ritiro io per lei. E i soldi ovviamente li tenga pure.

Energia Creativa ha detto...

Egregio sign. Dott. Esimio Pascucci
Lei deve passare più spesso da me perche fa bene ad entrambi due noi medesimi esimi.
Al nobel lo ritiro io per lei. E i soldi ovviamente li tenga pure.

Paolo Pascucci ha detto...

si sarebbe scordata Granduff (perchè quando non me ne va bene una tiro certi Uff!) ma lasciamo perdere visto che c'intendiamo a meraviglia: a lei la gloria a me i dobloni, che c'ho giusto giusto un baule vuoto. Esimia...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...