Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

L'importanza del contesto.

Credo fortemente nella possibilità di riprendersi senso e significato attraverso il creare


E' una delle funzioni più "utili" della creazione artistica, il prodotto si presta ad essere visto, modificato,  analizzato, cambiato, condiviso. 


 I pensieri si fanno concreti, diventano messaggi pronti ad essere compresi direttamente da te, senza aver bisogno del tramite altrui.

>>>

Esercitarsi al qui ed ora

"Non indugiare sul passato,
non sognare il futuro,
concentra la mente sul momento presente."
Buddha

>>>

Migliorare le tue relazioni - l'ape e la mosca

Come vedi il mondo intorno a te?
Come prendi i complimenti?
Li fai entrare dentro di te o immagini siano finti?
Come dai tu un feedback?


Su quali aspetti ti concentri e come lo fai?

>>>

Il colloquio di lavoro on line

Un intervista interessante, ricca di spunti e di informazioni per sostenere - in particolare- un colloquio on line, ma valida comunque per ogni tipo di colloqui.


Cosa cerchi tu e cosa l'azienda cerca da te?

Ovvero qual è il valore che tu offri e come lo comunichi?
>>>

Cambiamo Creiamo Viviamo

"Se non cambiamo, non cresciamo.

Se non cresciamo, non stiamo davvero vivendo."

>>>

La sindrome della capanna ovvero non voglio uscire

Puoi uscire ma non vuoi.

La sensazione che c’è tutto quello che ti serve “dentro” casa, e che lì fuori sia invece molto pericoloso, d'altronde cosa è cambiato per il virus dalla fase di lockdown?
>>>

Il tempo della corona

Ho un rapporto intenso con il tempo, ho ascoltato persone perse in questo tempo vuoto, persone che hanno cercato di riempirlo in maniera compulsiva, persone che si sono annoiate persino.

>>>

Non sottovalutare mai il valore del tuo feedback

Un tempo ero timida.
Lo sono tuttora, soprattutto con i miei autori preferiti, quando li incontro la mia lingua diventa colla a presa rapida con la bocca e non riesco a dire nulla.
>>>

Reinventarsi

In questi giorni raccolgo parole.

Parole di resilienza condivisa, che traspongo sulle mie tele.

E' stata un idea che sta continuando ad arricchirsi di voci e contributi, un modo per sentirsi vicini, di sostituire la pandemia con la pan patia, per utilizzare un espressione del filosofo prof. Aldo Masullo, appena scomparso.

"C’è uno stato di sofferenza non individuale ma di tutti, quindi l’unica arma che rimane è quella del coraggio di resistere."


>>>

Io penso positivo? Non è un obbligo

L'ottimismo da tanto all'etto, quello che "se vuoi, puoi" ha fatto il suo tempo, anzi ha fatto anche i suoi danni.


Ci è stato detto che se vediamo violenza, è perché siamo noi per primi a metterla nel mondo, se non ce la facciamo è perché non ci proviamo abbastanza (quando invece magari dovremmo cambiare metodo e scoprire cosa c'è che non stiamo facendo; immergerci cioè in un piano di realtà, da cui poi, poter essere ottimisti di aver fatto del nostro meglio).

>>>

Andrà tutto bene un gatto!

Cosa hai detto cento volte, cosa ripeti nella tua mente?
In questi giorni leggo post arrabbiatissimi, avvelenati con l’andrà tutto bene.
Puerile, vuoto, inconsistente. Posso concordare.

>>>

Diventa ARTE - la proposta in rete di interpretare un quadro famoso


Nei giorni scorsi, il Getty museum, ispirato da un account Instagram di Amsterdam Tussen Kunst en Quarantaine (aka Between Art and Quarantine) ha lanciato una sfida ad arte.
>>>

Chi voglio essere durante il Covid 19

Ognuno di noi ha sperimentato una complessa varietà di reazioni, emozioni, annullamento od eccesso di azioni a seguito di questo evento che ci coinvolge a livello globale.

>>>

Troppa informazione fa male

#celapossiamofare.
Si, però datti una mano.
Della serie #consiglinonrichiesti di qq (ovvero quotidiana quarantena) EVITA di sovraesporti alle informazioni televisive/social etc.
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
>>>

I vestiti per stare in casa

Sarà che da giorni mi torna in mente Bocca di Rosa, e la gente che da "buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio" e poi io in effetti sarei anche quasi una vecchia senza mai figli (però sposa si, forse in questo mi salvo).

>>>

L'arte non è un risultato ma un viaggio.

L'arte non è graziosa.

L'arte non è dipingere.

L'arte non è qualcosa che si appende alle pareti.

L'arte è ciò che facciamo quando siamo davvero vivi.

>>>

Obiettivi da calendario

Alcune persone  raggiungono i loro obiettivi con naturalezza, tutto sembra essere facile per loro, mentre tu ti sforzi e non ci riesci mai?

>>>

Cosa faresti se...sapessi di non fallire

Ci sono momenti in cui sfugge il senso, la missione, il lungo termine, il breve, la motivazione e si trascina con sé la rinuncia, il non provarci neanche, la svalutazione delle proprie capacità.

Una slavina di non posso, è tardi, non so farlo, una slavina di negazioni.

Dunque comincio proprio da una domanda al negativo:

Cosa faresti se ... sapessi di NON poter fallire?

>>>

Medaglie di resilienza

Un maestro di judo raccontò di premiare i bambini nelle gare con medaglie di ghiaccio:
riconoscimenti che ci abituano a quella che i buddisti chiamano la legge dell’impermanenza.

Ovvero al fatto che l’universo non è mai completamente sotto il nostro controllo,
>>>

Metti i tuoi propositi su carta

Anno iniziato, tutto cambiato?

Il cambiamento richiede la nostra partecipazione, il nostro impegno, saper intanto cosa desideriamo raggiungere.


Sembra ovvio, ma non lo è.



>>>

Auguri in pieno Personal Brand style

Il personal branding è quel che si è.
E' ciò che sei, che fai, quali valori persegui, per cosa sei conosciuto e riconosciuto.

Per cosa sei ricordato.
>>>

I dettagli raccontano delle persone e delle organizzazioni

Ti è capitato di voler e dover capire se la persona con cui lavorerai è giusta per te?

>>>

Il brand come punto di riferimento in un mondo pieno di incertezze

Mi capita spesso  di pensare che l'incontro col personal branding ha molto a che fare con me e con la mia storia.

Dove sono cresciuta, quel valutare una persona in base al cognome di famiglia.
>>>

Due risorse gratuite per chi non sa l'inglese, ma dovrebbe saperlo

Ci crederesti mai che accanto al mio pc, nell'ufficio di New York avevo un piccolissimo vocabolario italiano inglese?
>>>