Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Gli effetti dell'arte sul benessere mentale e fisico.

L'arte è una potente risorsa per il benessere mentale e fisico.

Ricerche sull'arte visiva si sono concentrate sui suoi effetti psicologici e fisiologici,
dimostrando che le attività di arte visiva hanno effetti stabilizzanti sull'individuo  riducendo l'angoscia, aumentando l'autoriflessione e l'autoconsapevolezza, alterando comportamenti e schemi mentali, e anche normalizzando la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e i livelli di cortisolo (il cosi detto ormone dello stress).


Alcuni studi di risonanza magnetica hanno affrontato i correlati neurali della produzione visiva di forme o si sono concentrati sulle esperienze estetiche dell'opera, o all'attivazione del circuito di ricompensa dalla percezione dell'arte visiva .

Considerati gli effetti di miglioramento delle risorse delle arti visive, alcuni ricercatori hanno ipotizzato che la partecipazione a gruppi di arti visive di 10 settimane potrebbe portare a cambiamenti psicologici e potrebbe alterare l'interazione funzionale della DMN.

Per DMN- Default Mode Network si intende una rete neurale distribuita in diverse regioni corticali e sottocorticali, generalmente attivata durante le ore di riposo e di attività “passive” (connettività funzionale intrinseca);  disattivata quando al cervello è richiesto di svolgere compiti che richiedono un’attenzione focalizzata.

La rete DMN è associata a processi cognitivi quali l'introspezione, l'autocontrollo, la prospettiva, la memoria episodica e autobiografica e la comprensione degli stati emotivi e delle intenzioni di altri.

Lo studio  ha riguardato un campione non clinico di 28 adulti post-pensionamento prima e dopo la partecipazione settimanale a due diversi interventi artistici della durata di 10 settimane.

(Sono stati esclusi dalla partecipazione artisti visivi professionisti e storici dell'arte, nonché persone affette da gravi disturbi fisici o mentali o che assumono psicofarmaci. Tutti i partecipanti hanno completato un esame psicologico e una misurazione fMRI in 2 occasioni: pre e post-intervento 10 settimane dopo (T1). L'esame psicologico consisteva nella breve versione tedesca della scala di resilienza (RS-11) di Wagnild & Young (1993).

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi:
- gruppo di produzione di arti visive, 14 partecipanti hanno attivamente creato arte in una classe d'arte.
 Il concetto di intervento di produzione di arte visiva si è concentrato sulla scoperta e sullo sviluppo della creatività del partecipante.
Un artista visivo ha introdotto diversi metodi e materiali artistici utilizzati nel disegno e nella pittura, e i partecipanti sono stati quindi in grado di sperimentare diversi materiali e tecniche.
Ogni partecipante è stato incoraggiato a produrre arte visiva e trovare la propria forma personale di espressione artistica.
Ogni sessione aderiva strettamente a un programma preciso, che includeva una sequenza di temi come il disegno cieco o veloce, il disegno nello spazio / stanza, il disegno di nature morte e figure, il disegno con la musica, l'uso di colori e la composizione.

- gruppo di valutazione dell'arte cognitiva, 14 partecipanti hanno valutato cognitivamente le opere d'arte in un museo.
In questo gruppo i partecipanti hanno considerato, analizzato e interpretato selezionati dipinti e sculture, in dialogo con uno storico dell'arte qualificato, che ha contribuito a incoraggiare la discussione di gruppo fornendo informazioni di base e spiegando le associazioni tra l'opera d'arte e le esperienze quotidiane.
 Questo secondo è servito  per controllare altre possibili spiegazioni alternative di cambiamenti nell'intervento di produzione di arte visiva, come l'interazione di gruppo, la ricezione artistica e l'attività cognitiva.

I risultati hanno evidenziato che  il gruppo di produzione di arte visiva ha mostrato un maggiore miglioramento spaziale nella connettività funzionale rispetto al gruppo di valutazione dell'arte cognitiva.

 Inoltre, poiché la connettività funzionale nel gruppo di produzione di arte visiva era correlata alla resilienza, i risultati sono i primi a dimostrare gli effetti neurali della produzione di arte visiva sulla resilienza psicologica nell'età adulta.

Questi risultati possono avere importanti implicazioni per gli interventi preventivi e terapeutici.
 Entro il 2030 un quinto degli americani  avrà 65 anni o più, il che comporterà un numero maggiore di difficili condizioni di salute.

Poiché la ricerca dimostra che la produzione di arte visiva porta a una migliore interazione, in particolare tra le regioni del cervello frontali e posteriori e temporali, può quindi diventare un importante strumento di prevenzione nella gestione delle malattie croniche negli anziani.


Studio di: Evaluation on Functional Brain Connectivity
Anne Bolwerk, Jessica Mack-Andrick, Frieder R. Lang, Arnd Dörfler, Christian Maihöfner
Published: July 1, 2014

Per i risultati e lo studio integrale qui.


La scatto è di una creazione di Anna in uno dei miei laboratori di crescita e creatività.