Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

La mappa non è il territorio


Fin dall’infanzia veniamo programmati a seguire una mappa di comportamenti
che danno forma alla nostra personalità e alle nostre idee sulla vita e sugli altri.

Ciascun individuo funziona a partire da una certa mappa del mondo, da come vede la realtà e dalle esperienze passate.



Ognuno legge la realtà col suo filtro.

Le nostre rappresentazioni mentali, le nostre descrizioni, non sono la realtà, e la mappa non è il territorio.

Korzybski.








e queste foto sono il filtro di un po' di malinconia.

18 commenti :

  1. Ora è molto più chiaro.Il fatto che continui a perdermi ogni volta che tento di seguire una mappa, intendo.Infatti preferisco chiedere indicazioni.O fare di testa mia. Tanto se devo perdermi lo faccio lo stesso.

    RispondiElimina
  2. rido.bentornata Ale (anche se non fai le lavatrici Papucco non potresti perderlo tra i calzini come la pubblicità dell'Ikea...)

    RispondiElimina
  3. ...e qui si capisce bene perchè sono TomTom-dipendente.e meno male che non beve alcolici.il TomTom.almeno lui. :P

    RispondiElimina
  4. Sto cercando di capire...  ma mi sa tanto che anch'io amo il tomtom per quel motivo!

    RispondiElimina
  5. Eagleil mio TomTom sarà nato a Napoli...perchè mi fa perdere pure dietro casa.infatti lo chiamo solo Tom..perchè è una meza..botta..:-)neache io bevo, anche se non si direbbe

    RispondiElimina
  6. IndianSavageio lo amo perchè posso spegnerlo quando rompe!:-)

    RispondiElimina
  7. I calzini di papucco sono taglia 13.5. Ti garantisco che in tre o quattro paia ci si perde pure lui.E poi il tom tom è l'apoteosi delle mappe, non ha fantasia e ti fa seguire i percorsi obbligati facendo si che ti perdi gli stradelli guelfi che magari sono contorti ma pittoreschi.E poi la voce degli omini dentro il tom tom è insopportabile.

    RispondiElimina
  8. Troppo spettacolari ste foto! Ogni volta che parli di NY, mi viene voglia di partire :)

    RispondiElimina
  9. Sono d'accordo Alele voci sia al maschile che al femminile. ma le versioni più "care" hanno delle voci molto più interessanti. con i calzini di Papucco si fa la befana del condominio:-)

    RispondiElimina
  10. Lola foto è presa da Google maps.e' l'indirizzo esatto del mio ex ufficio...e questo l'ingresso di casa 

    RispondiElimina
  11. questo post oggi mi ha fatto tanto male/bene!grazie..ti seguo sempre!

    RispondiElimina
  12. Le mappe possono rovinarti la vita, se pensi che solo esse siano depositarie dell'assenza di errori.FInisce spesso che per stare con gli occhi attaccati alla cartina, ti perdi il bello del panorama, dell'albero fiorito a bordo strada, del papà che gioca con la sua bambina, del palloncino che vola, del passerotto che mangia le ottime briciole cadute giù dalla colazione consumata al tavolo da un avventore di un bar come tanti... anche il frastuno delle chiacchiere e gli schiamazzi dei bambini ti danno fastidio, perché ti impediscono di concentrarti nell'interpretare la mappa. Ecco... magari ti perdi il bello del viaggio e rendi la meta solo una banale sfida: tu contro un pezzo di carta con simboli e convenzioni. 

    RispondiElimina
  13. SSIvero. in questo tuo commento mi sembra di riconoscere un tuo metaprogramma di attenzione al processo invece che all'obiettivo.già. ci ho messo anni per conquistarlo anche io questo filtro

    RispondiElimina
  14. danyjapanquello che ha fatto anche a me. soprattutto male....tu sei a londra, no?

    RispondiElimina
  15. Energia... io lo sto "fruendo"... ho proprio bisogno di buttarle certe mappe, per lo meno il condizionamento che inculcano. Per me è stato devastante il doverle osservare. Inutile parlarne qui, off topic. ho imparato la lezione. ma bello pensarci e aver spazio per rifletterci.

    RispondiElimina
  16. Anna11:31

    Attenzione al Tom Tom, non è affidabile al 100%, l'ho sacoperto sulla mia  pelle (annzi, per poco non me la giocavo..la pelle!) Mi segnalava di girare a sinistra, io ho preferito proseguire per trovare uno slargo per girare e tornare indietro, per scoprire che non c'era una strada ma....un burrone!!! Solo che dal lato destro della strada non te ne accorgevi...Ciao , Paola!  

    RispondiElimina
  17. Ciao Annaio con Tom ho passato momenti di autentico terrore spersa nella campagna toscana e nella campagna dietro casa mia!! pensavo di uscire a Frittole nel 1400 quasi 1500.

    RispondiElimina
  18. Anna12:15

    hahahahahaah bella questa, allora non sono l'unica!!! L' ultima volta dovevo andare verso Roma, mi ha fatto finire A Tivoli!!!! Non l'ho fiondato dal finestrino solo perchè mi è stato regalato...

    RispondiElimina