Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Le tre regole per una buona critica


In aggiunta agli altri articoli sull’argomento, mi piacciono le tre regole così come riportate nel libro di Roberta Giommi- Tradire sott. Segnali di confusione amorosa.



[Non fatevi ingannare dal titolo. Trovo che questo insieme a “Fedeltà infedeltà in amore. Sottotitolo. Un’analisi del rapporto di coppia di Gerard Leleu ed.red- siano un enorme ausilio nella costruzione e mantenimento del rapporto di coppia.]

Regola 1. personalizzare-
far capire ciò che a livello soggettivo crea ansia o dolore.

Detto in altri termini evitate di incolpare “tu, tu tu” fai o non fai etc, ma usate il messaggio “IO”
E’ un buon modo per chiarire anche a voi stessi quali sono le responsabilità da una parte e dall’altra e di non sentirvi vittime inermi nelle mani dell’altro ( a meno che non vi piaccia, ebbene si c’è a chi piace).

Regola 2. Dare piccoli suggerimenti di miglioramento.

Es. quando tu torni dal lavoro mi piacerebbe che mi salutassi con un bacio.
Molto molto meglio di: mi trascuri
- che non vuol dire nulla e non da indicazioni utili sul cosa ci farebbe sentire non trascurati.

E soprattutto mi piace tanto la regola 3: abbracciarsi.

Stabilire un contatto corporeo, a conclusione della nostra spiegazione- aiuta a creare un terreno di confronto amichevole, di ricerca serena di possibilità negoziali.

L’abbraccio può essere un rinforzo del significato non aggressivo delle parole e segnalare la nostra intenzione e disponibilità a mantenere l’intimità, confermare il nostro desiderio di vicinanza fisica ed emotiva.




l'artista dell'illustrazione è Puuung.

17 commenti :

  1. Cara Paola, la numero 3 piace proprio tanto anche a me; stare tra le braccia di qualcuno è una delle sensazioni più belle. La persona che ti ama ti avvolge completamente, ti fa stare bene ed il contatto di pelle fa scattare quella formula magica che non ti so descrivere. Credo sia una delle manifesazioni di amore e di affetto più sincere.Buona notte, ti abbraccio 

    RispondiElimina
  2. vedi io non ci riesco.il mio compagno mi ha trascinata controvglia nelle sue questioni lavorative, mischiando me quindi il suo privato con il lavoro e soprattutto con una socia molto invadente che ci sta creando molti problemi(ti dico solo che lei mi impedisce di salire in ufficio dall'uomo che tra meno di un anno sposo e lui per non creare questioni sul luogo di lavoro non le dice nulla).sono molto avvilita perchè lui mi chiede sempre di dire cosa penso del suo lavoro e io penso questo "si lavora troppo e male senza orari stabiliti e precisi si cazzeggia molte ore su facebook e si passa il tempo a parlare delle rispettive cose private inoltre i guadagni non corrispondono alla mole di fatica quotidiana che ti è richiesta".lui si incazza sempre, salvo poi sparare a zero anche sul mio lavoro (in verità io lavoricchio col fratello e intanto sto studiando gli ultimi 3 esami alla laurea in ingegneria in più arrotondo con le ripetizioni)quando sono arrabbiata non amo essere toccata figuriamoci abbracciata..vado ancora più su di giri e mi dimeno, purtroppo avendo vissuto una piccola aggressione da mio padre 3 anni orsono, sono diventata molto guardinga.ho perso il filo del discorso che volevo fare nel commento..cmq questo post è davvero molto interessante, ora lo mando ai preferiti..

    RispondiElimina
  3. ziobilly che ci pensavo stamattina in treno :)

    RispondiElimina
  4. Crianche a me piace infinitamente e me lo procuro tutti i giorni____________---Alinala risposta che  avrei per te è molto complessa ed ora ahimè non jo tempo. ma domani vedrò di pubblicare un post che parla proprio di quanto è utile insistere anche per un abbraccio che non si vuole_________Movidachi è billy?  devo essere gelosa?

    RispondiElimina
  5.  Buona domenica tesoro!!

    RispondiElimina
  6. AAAAAAAAAAAAAhhhhhhh... A volte è un sollievo non avere questo tipo di problemiCIAOOOOOOOOO

    RispondiElimina
  7. ciao Paola 29_____________cri's già tornata dalle vacanze?

    RispondiElimina
  8. leggerezza12:00

    Ciao Paola! ci sono anche io ;-))a me piace e mi ha aiutato molto anche la prima, di regola. Mi permette di aprirmi con l'altro senza temere di ferirlo. se x anni infatti ho preferito mandare giù, piuttosto che parlare, è stato proprio perchè non sapevo come comunicare. temevo di rovinare il rapporto, di apparire una rompi scatole. ora penso invece il contrario. è non parlando e facendo finta che va tutto bene che si distruggono le relazioni. ma a me mancava il modo...Grazie a te per avermelo insegnato!. bacio grande... che ti raggiunga fin dove sei! 

    RispondiElimina
  9. ciaoooooo Leggerezzaieri ti pensavo e volevo scriverti per sapere cosa avevi deciso col quadro.per il resto sono contenta di quello che mi dici e so per certo che mi hai superata in assertivitàpoi ti racconterò che ho combinato!:-(((((

    RispondiElimina
  10. leggerezza13:05

    il quadro.. me lo sono tenuto!!! ;-))) ogni volta che lo guardavo mi venivano in mente le mie mani mentre lo dipingevo e le nostre mentre mettevamo lo smalto... non ce la facevo proprio a separarmene!!dai che combinare qualcosa ogni tanto è pure divertente!;-)) allora mi racconterai!

    RispondiElimina
  11. LEGGEREZZA SOOOONO CONTENTA!!!!!!!!!!condivido la scelta

    RispondiElimina
  12. adoooooro abbracciare!!!! ed essere abbracciata :)

    RispondiElimina
  13. eaglegrazie  grazie  grazie  grazie  grazie  grazie  grazie  grazie  grazie :-)* 

    RispondiElimina
  14. Finbarme lo ricorderò la prossima volta che ti vedo 

    RispondiElimina
  15.  [O.T. ciao! spero non ti dispiaccia, ma mi son permessa di aggiungerti su Twitter e Ff. Se ti spiace fammi sapere] zoe*

    RispondiElimina
  16. certissimo Zoe....va bene ...grazie

    RispondiElimina