Tutti possono essere creativi


La creatività è la qualità che metti in ciò che fai.

È un atteggiamento, un approccio interiore, il modo in cui guardi le cose.

Non tutti possono essere pittori, né è necessario. Se tutti lo fossero, il mondo sarebbe orribile; sarebbe difficile vivere. E non tutti possono essere ballerini, né è necessario. Ma tutti possono essere creativi.

Qualsiasi cosa fai, se la fai con gioia, se la fai con amore, se il tuo agire non è solo frutto di un calcolo economico, allora è creativa. Se dentro di te hai qualcosa che cresce da questo spazio, e se ti fa crescere, è spirituale, è creativa, è divina. Diventi più divino man mano che diventi più creativo.

Tutte le religioni del mondo hanno detto che Dio è il creatore. Io non so se lo sia oppure no, ma una cosa la so: più diventi creativo, più diventi divino. Quando la tua creatività giunge al culmine, quando tutta la tua esistenza diventa creativa, vivi in Dio.
Pertanto, egli dev'essere il creatore, visto che le persone creative sono sempre state le più vicine a lui.
Ama ciò che fai, sii meditativo mentre la fai, di qualsiasi cosa si tratti!

Osho A Sudden Clash of Thunder Chapter 4

Tutto ha un senso

L'altro giorno per prepararmi all'incontro sul fotogenogramma familiare ho cercato tra le mie foto, ed ho trovato questa.

E' la mia Laurea, luglio 1990.

20 anni e 30 chili fa.

Persone, vita, ricordi.
La torta per festeggiare la tesi sul "packaging come variabile strategica di marketing".

Trovo sia buffo averla trovata proprio mentre sto preparando il laboratorio sul dono.

E' meraviglioso trovare nella propria vita i pezzi che rimetterai insieme e creano un disegno, che allora non vedevi così nel suo complesso. ma tutto torna, tutto ha un senso.
Tutto si ricompone, il marketing, la scrittura creativa, il packaging, il counseling.
Le scelte, le passioni di persone e professioni.

Il self marketing artistico

 Il prossimo laboratorio: 4 dicembre- Roma



“Il TUO DONO” è un laboratorio esperienziale per scoprire e riscoprire le proprie qualità; saperle mostrare, offrire, proteggere, esaltare, comunicare.

Ideato e condotto da P. Bonavolontà dall’integrazione di esperienze di marketing aziendale, formazione d’aula, counseling ed art counseling.


Il laboratorio é solo su prenotazione per massimo 10 persone.
Luogo: Roma Eur

La distanza giusta

Una compagnia di porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati.

Ben presto, però, sentirono le spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro.

Quando poi il bisogno di scaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripeté quell’altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro tra due mali, finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione.


A. Schopenhauer, Parerga e Paralipomena, II, 2, cap. 30, 396


E' sempre molto carina questa storia, un must nelle lezioni Team Building.

Il buffo è vedere com'è vero, le posizioni che prendiamo, le distanze, quanto cerchiamo di allontanarci e chi ci continua a seguire da vicino.
Io non vorrei te, ma un altro, mi dai fastidio, sei troppo appiccicato.
Dove il tuo equilibrio?

e, come dico spesso nei miei laboratori, tu permetti la vicinanza?
da chi ti lasci avvicinare, a chi ti avvicini, da chi ti allontani?
La risposta non é scontata. Pensa. Com'è per te?

Liberate la vostra creatività


Liberate la vostra creatività, ciascuno di noi ha dei talenti nascosti che non ha mai coltivato.

Spesso, per i motivi più disparati siamo stati costretti a soffocare un talento perché non era il momento giusto, c’erano troppe cose più importanti da fare, non c’era tempo o la disponibilità economica.

Nel vostro piano di ristrutturazione spirituale, inserite la creatività.

Sei cappelli per pensare


Il Professore Edward de Bono[1] ha ideato ed insegnato un metodo a centinaia di aziende e governi nel mondo.

Nel suo libro “Sei cappelli per pensare” suggerisce diversi atteggiamenti mentali da utilizzare simbolicamente indossando un cappello di colore:

L'immagine di sè presso gli altri

Secondo Campbell e Feher (1990)  le persone con un'elevata autostima si presentano agli altri utilizzando in prevalenza aggettivi positivi; quelle con una bassa autostima  utilizzano in prevalenza aggettivi negativi suscitando nei propri interlocutori immagini poco favorevoli.

La nostra paura più profonda


La nostra paura più profonda non è quella di essere inadeguati.
La nostra paura più grande è che noi siamo potenti al di là di ogni misura.
E’ la nostra luce, non il nostro buio ciò che ci spaventa.

Ci domandiamo: “Chi sono io per essere brillante, magnifico, pieno di talento, favoloso?”.
In realtà, chi sei tu per non esserlo? Tu sei un figlio dell’Universo.
Il tuo giocare a sminuirti non serve al mondo.

Non c’è nulla di illuminato nel rimpicciolirsi in modo che gli altri non si sentano insicuri intorno a noi.
Noi siamo fatti per risplendere come fanno i bambini.
Noi siamo fatti per rendere manifesta la gloria dell’universo che è in noi.
Non solo in alcuni di noi, è in ognuno di noi.
E quando permettiamo alla nostra luce di risplendere, noi, inconsciamente,
diamo alle altre persone il permesso di fare la stessa cosa.
Quando ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza automaticamente libera gli altri.

Nelson Mandela

Prendi le distanze!!

Sei competente nell'occupare lo spazio FISICO ed ANCHE VOCALE?
Si, perché anche lo spazio che prendi per te o lasci agli altri fa parte della tua competenza nel comunicare.

Chi urla invade lo spazio, come chi parla senza sosta, senza cioè lasciare all'altro lo spazio per rispondere.

Chi richiama l'attenzione con fastidiose e continue toccatine sul braccio di chi ascolta (come fanno i bambini che tirano la gonna della mamma).

TUTTI INVADENTI.

E tu: tendi ad essere troppo vicino, tanto da costringere l’altro a fare un passo indietro? O ti mantieni troppo distante, comunicando di non desiderare la relazione con l’altro?
Come valuti il tono della tua voce, la tua gestualità, come utilizzi le distanze interpersonali?

La prossemica studia la comunicazione attraverso le distanze fisiche.

E’ la gestione dello spazio fisico ed emotivo, la distanza mentale e relazionale che desideriamo avere.
Ognuno di noi crea più o meno inconsapevolmente uno spazio intorno a se, ed ognuno ha le sue preferenze.
Prova a stare in fila con qualcuno alle spalle, che ti mastica il suo chewing gum nelle orecchie ed immediatamente saprai qual è la tua distanza preferita.


Ci sono persone alle quali non dà alcun fastidio, magari le stesse che in spiagge deserte vengono a piantare ombrellone sedia e cane vicino a te che ti stavi godendo il tuo spazio.

Con le dovute modifiche a seconda della cultura del paese dove ci si trova, le distanze sono:

-intima (0- 45 cm ) la distanza in cui ci si abbraccia, ci si tocca e si parla sottovoce.
-personale ( >45 < 120 cm) tra amici.
-sociale ( >1,2 < 3,5 metri) tra conoscenti.
-pubblica ( > 3,5 metri) per le pubbliche relazioni.

E la tua comunicazione è appropriata al luogo, ruolo e relazioni?

Motivazione

“Configurazione organizzata di esperienze soggettive, che consente di spiegare l’inizio la direzione (modalità di procedere),
l’intensità (qualità nell’insistere) e
la persistenza (quantità dell’insistere, in termini di tempo) di un comportamento diretto ad uno scopo.”

(De Beni & Moè, 2000)

Il tempo di una pausa

Giorni intensi, pieni.
Di incontri, convegni, conferenze, pittura che ritorna a riempire le mie mani, ascolto di nuove persone, crescita con altre.

Preparo laboratori, uno tra due giorni, il Problem solving creativo con lo strumento dei 6 cappelli di De Bono.

Problem Solving

E’ la capacità di risolvere velocemente ed efficacemente una o più situazioni, riuscendo a focalizzare ed individuare il problema più urgente, fornire proposte e soluzioni e agire per il superamento.

E’ un connubio di capacità di analisi, elaborazione mentale, creatività, elasticità ed azione.

Flessibilità


La flessibilità richiesta nel mondo lavorativo attuale significa resistenza allo stress da incertezza, vuol dire essere meno tutelati di un tempo, saper fare ed essere disposti a fare sempre di più, con orari più lunghi, cambiamenti repentini e frequenti, quali sede lavorativa (trasferimento/trasferte da filiale a filiale, cambiamento di regione..), o di ruolo professionale all'interno della stessa impresa senza avanzamenti di carriera.

Volontà, perseveranza e tensione al risultato


E' una competenza la capacità di auto determinarsi a fare o non fare qualcosa, concentrare l’attenzione e gli sforzi riducendo le distrazioni dell’ambiente esterno, impegnarsi costantemente nel raggiungimento del risultato finale, senza fermarsi davanti alle difficoltà o ai traguardi intermedi.

La mappa non è il territorio


Fin dall’infanzia veniamo programmati a seguire una mappa di comportamenti
che danno forma alla nostra personalità e alle nostre idee sulla vita e sugli altri.

Ciascun individuo funziona a partire da una certa mappa del mondo, da come vede la realtà e dalle esperienze passate.

Bruce Tuckman e le regole nel team

Il Team è un gruppo di persone che collaborano per il raggiungimento di obiettivi comuni e che forniscono ciascuno un contributo alla realizzazione della performance del gruppo.

Per team building si intendono specifiche metodologie nate e sviluppate per lavorare sui gruppi (in particolare di lavoro).

il self marketing ......secondo me

il self marketing ......secondo me
Vi segnalo un blog professionale sul marketing personale.
sottotitolo:
strategie e tecniche di personal marketing per professionisti, consulenti, free lance, manager e imprenditori
Ne è autore Stefano Principato, generosissimo in strumenti e condivisioni.

Oltre al suo punto di vista di esperto, ha rivolto alcune domande sul merketing personale a colleghi e professionisti.
Al link  il marketing personale secondo paola bonavolontà potete leggere le mie risposte e lasciare un commento.

Ringrazio Stefano per la bella opportunità anche da qui.

Gli ingredienti del successo

Al gruppo che ho facilitato domenica, ho chiesto quali ingredienti hanno permesso di accedere a  nuove competenze, personali e professionali.

La prima risposta di tutti è stata il NON GIUDIZIO.
Questa l'immagine simbolo: che ne dite...vivremmo tutti meglio mettendo alla porta le pistole del giudizio?

L' arte come autoconoscenza



“L’arteterapia è nata dall’idea che le immagini artistiche possano aiutarci a capire chi siamo, a esprimere sentimenti e idee impossibili da comunicare a parole, ad arricchire la vita attraverso l’espressione di sé.”



Cathy A. Malchiodi



Vincenti e perdenti

Ogni essere umano nasce come qualcosa di nuovo, qualcosa di mai esistito prima.
Ognuno di noi nasce con la capacità di vincere la vita.
Ognuno ha un suo modo originale di vedere, ascoltare, toccare, gustare e pensare.

La verità su te stesso

La verità su te stesso

Se non dici la verità su te stesso non puoi dirla neanche sulle altre persone

If you do not tell the truth about yourself you cannot tell it about other people.


Virginia Woolf

Il Video curriculum

Il Video curriculum
Il curriculum è lo strumento utilizzato per descrivere le nostre competenze nella ricerca di lavoro.
Il cv tradizionale utilizza simboli, le parole scritte, per descrivere il sapere, il saper fare e il saper essere. Dunque richiede una codifica in linguaggio digitale, da parte di chi scrive e decodifica dall'altra.

conferme e successo

conferme e successo
lo so lo so...avevo promesso di dirvi com'è andato il seminario sul Time Management: successone!!
applausi, complimenti, sorrisoni e tanta soddisfazione.
sto ancora festeggiando e prendendomi tutto il bello degli incontri nutrienti, delle strette di mano, delle persone che ho visto coinvolgersi ed appassionarsi sulle sedie.

Le 10 - 20- 30 domande che potrebbero farti ad un colloquio di lavoro

Le 10 - 20- 30 domande che potrebbero farti ad un colloquio di lavoro
Avrei dovuto scrivere questo post da moltissimo tempo.

Ma poichè un mio blogger collega lo ha già fatto e in modo esauriente, eccovi l'articolo di Manolo, creatore e autore di Cocooa.com - il dolce del miglioramento personale.
Segue e pratica molte discipline di miglioramento personale e benessere. Ha studiato il Silva Mind (dinamica mentale) negli anni 90, Pnl, Medicina Energetica. Il suo blog è una raccolta di tecniche e idee che hanno funzionato per lui e che ripropone a tutti.