Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Test goloso per determinare il successo

Il test dei marshmallows è degli anni 70, un team di psicologi di Stanford, hanno dato una toffoletta a bambini di 4 anni promettendo una seconda se avessero saputo attendere.

Chiamalo autocontrollo, capacità di immaginare il futuro, anzi pre- gustarlo, chiediti cosa facevi tu da piccolo e cosa fai ora.

Saper dire di no, saper aspettare, saper investire sul futuro.
Cosa ti servirebbe, dove sei forte e dove vorresti migliorare.


Goditi il video, è meraviglioso.

C'è chi attua strategie come legarsi le mani, non guardare, camminare, chi mangia mentre ancora gli stanno dicendo come funziona.
Un vero spasso.


Nel tempo si è monitorati i bambini mentre diventavano adulti e poi quarantenni.
Cosa si è scoperto?

Si è visto che l’autocontrollo è una delle componenti determinanti il successo di una persona insieme ad intelligenza e talento, come pure la tendenza a non abbandonare il proprio compito per il gusto della novità e di fronte alle difficoltà.

Ci ho pensato a questa cosa qua. Io ero una bambina che sapeva aspettare.
Poi non so che è successo, sarà il carpe diem, ma ora differisco il dovere e non il piacere.

Secondo il test invece la capacità di controllare gli impulsi è una caratteristica individuale relativamente stabile negli anni.

Triste primato invece per gli immediatamente golosi:

avevano più probabilità di sviluppare problemi comportamentali, godevano di bassa autostima e venivano visti dagli altri come testardi, frustrati e invidiosi.

vuoi saperne di più? leggi qui in inglese o qui in italiano


Chiediti: in cosa aspetti troppo e in cosa non sai aspettare?
Anche la calza della befana c'è chi la fa andare a male e chi ha il mal di pancia da indigestione.
Chi si mangia prima la calza dei fratelli e così gli resta la sua più tempo, con i complimenti dei genitori.

Quali strategie hai attuato e ancora ti sono utili e con quali ti inganni inutilmente?

Io te lo dico pure, mi vado a mangiare un cucchiaino di cioccolato.

quadro di Will Cotton