Le domande scomode del personal branding

Perché porsi delle domande "scomode"?
Perché il punto di partenza in un processo di personal branding è la consapevolezza.

Ci sono persone che mettono in vetrina senza sapere cosa.
Cioè creano un contenitore, perché così fan tutti, perché è facile e si pensa che l'azione di aprire ad esempio una pagina Facebook sia la chiave giusta.

Chiediti prima: cosa troveranno nella pagina le persone a cui chiedo un like?

Arte sulla pelle

L'artista NewYorkese Ariana Page Russell fotografa la sua pelle che reagisce alle emozioni, al caldo, al freddo.

Il nome è dermatographia urticaria, anche detta dermatographia o dermographism (letteralmente“scrittura sulla pelle”), è una reazione allergica alle minime stimolazioni fisiche.

Self marketing per introversi

Essere introversi vuol dire preferire il proprio mondo interiore, essere inclini alla riflessione, a stare da soli o con pochi amici, parlare poco, cercare l'autenticità, la profondità.

In un mondo cosi' "intimo" creare relazioni "solo" per far carriera sembra esageratamente falso e non desiderabile.


Un immagine di sé molto distante- forse opposta, da quella che immaginiamo debba essere una persona che fa marketing di se stesso.

Sempre attivo, assertivo, costantemente presente, pieno di contatti e conoscenze, forse a volte assordante nel parlare di se e delle sue capacità.