Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Mandami una mail Skype Linkedin

Home

Non saper comunicare

La solitudine non viene dal non avere gente intorno, ma dal non essere in grado di comunicare le cose che sembrano importanti per se stessi, o dal trattenere alcune opinioni che gli altri trovano inammissibili.

Carl Jung



Loneliness does not come from having no people around one, but from being unable to communicate the things that seem important to oneself, or from holding certain views which others find inadmissible.


Parlare troppo, troppo poco, di niente.
Ininterrottamente, con voce strozzata.
Non riuscire ad usare pienamente la voce che è uno strumento di creazione di realtà e di relazioni.


Sabato 8 Marzo un laboratorio esperienziale sull'esprimersi e comunicare.

Entreremo nell'energia del chakra Vishuddha, posto nel centro della gola.

Il quinto chakra collega i chakra inferiori da quelli superiori,  collega i pensieri ai sentimenti.

Quando il chakra Vishuddha funziona in modo ottimale, siamo in grado di esprimere con estrema chiarezza e  un linguaggio ricco i nostri sentimenti ed idee, senza paura, e allo stesso tempo senza ferire gli altri.
Uguale armonia è nel saper ascoltare gli altri, con comprensione e partecipazione.

Purtroppo è comune un funzionamento in eccesso o difetto.
Le persone possono balbettare, o parlare con voce strozzata, oppure con un tono di voce troppo alto, esprimendo  solo concetti vuoti e superficiali.
Il loro linguaggio può essere freddo e distante, incentrato solo su questioni che riguardano il mondo materiale.
A volte esasperanti nell'eloquio,  come chi parla ininterrottamente senza concedere agli altri di aprire bocca, spesso nel tentativo di attirare su di sé l’attenzione.
In tutti questi casi, si ha incomunicabilità e in capacità di dar voce ai propri sentimenti, alle emozioni e tensioni interiori.


Riequilibrare il chakra della gola è un opportunità non solo nel campo lavorativo, per poter parlare in pubblico, ma anche per stabilire relazioni significative e profonde con le persone che amiamo, far sentire i nostri figli realmente ascoltati e dunque aprire anche il loro mondo a comunicazioni oneste e nutrienti, a farli sentire in diritto di potersi esprimersi senza essere giudicati od essere giudicanti, svalutati o svalutanti.


Paola Bonavolontà



Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...