Parlare in pubblico

Kees van Dongen - Woman before a mirror (1908)
Parlare in pubblico é certamente una delle prove più ansiogene per molti.
Come superarla?
Beh, ok, superarla proprio no, ma viverla, passarci attraverso con dignità e cuore tranquillo.

Il primo passo è la preparazione.
Scrivere il proprio discorso e provarlo, riprovarlo e riprovarlo ancora.
da soli, davanti allo specchio, davanti al marito, all'amico etc.

Quando sarete di fronte al pubblico ci saranno meno variabili "nuove" e dunque saranno più facilmente gestibili.
Non dovrete cercare le parole o inventare il senso del discorso, ma sarete (un pò più) padroni del momento.

Avrete preso confidenza con il tono della voce, la sua modulazione, avrete scoperto i passi più difficili e, probabilmente, li avrete ripassati fino a che saranno più fluidi nell'esposizione.

Questa la teoria. o almeno qualche piccola pillola di teoria.
La pratica?

Per tutti i miei allievi che negli anni passati sono stati sottoposti alle torture delle presentazioni in pubblico, questo è il momento della vostra vendetta.
Ridete pure di me, perché anche io ancora non mi sono fermata.


clicca qui per ascoltare la mia presentazione

e comunque. quando vi accorgete di aver sbagliato qualcosa inutile fustigarsi.
Cosa farete di diverso la prossima volta?

Io, forse, mi atterrò al testo scritto, senza aggiunte dell'ultimo minuto.
Se conoscete l'inglese, ascoltate per capire cosa è stato improvvisato e cosa no.

Di solito improvvisare mi riesce bene.
A tutto c'è l'eccezione.



Successivo
« Prev Post
Precedente
Precedente »