Labirinti d'Arte




Salt Art by Motoi Yamamoto

 Arte come espressione di ciò che non può essere espresso a parole.
 Arte come rituale, arte come ritrovare se e l'altro, arte per comunicare.

 Puoi decidere se leggere il significato delle istallazioni di Motoi Yamamoto oppure no, ed interpretarle soggettivamente, per quello che comunicano a te.
Se hai deciso così, smetti di leggere qui.
altrimenti vai avanti.





 Motoi Yamamoto è nato a Hiroshima, in Giappone nel 1966 e ha lavorato in un cantiere fino all'età di 22 anni quando ha deciso di concentrarsi su arte a tempo pieno.

Sei anni dopo, nel 1994, la sorella più giovane muore per complicazioni a causa di cancro al cervello e Yamamoto comincia subito a commemorarla  nelle sue installazioni labirintiche di sale.

L’ispirazione viene direttamente dalla morte di mia sorella, uccisa da un cancro al cervello a soli 24 anni nell’inverno del 1994. Da allora ho sempre avuto il dilemma e la paura di cosa avrei fatto se mi fossi perso. Ho cominciato con dei lavori che rispecchiassero i miei sentimenti e ho continuato come se fossero una sorta di diario.

 I lavori sono quasi interamente improvvisati,  ogni pezzo resta visibile  per diverse settimane, dopo di che Motoi invita il pubblico a distruggere ogni opera e a raccogliere il sale in sacchetti e barattoli, così da poterlo di nuovo gettare in mare.

Successivo
« Prev Post
Precedente
Precedente »